Bakhita nacque in Sudan, in Africa, nel 1869. Questo nome, che significa “fortunata”, non lo ricevette dai suoi genitori alla nascita, gli fu imposto dai suoi rapitori.

Fiore africano

Questo fiore africano conosceva le umiliazioni e le sofferenze fisiche e morali della schiavitù essendo stata venduta e acquistata più volte (cinque in tutto). La terribile esperienza e lo spavento, provato nel giorno della cattura, causò profondi danni nella sua memoria, incluso l’oblio del suo nome.

Continua a leggere

La Conferenza episcopale del Belgio (CEB) diffonde una nota in cui chiarisce alcune regole basilari per la tutela del segreto professionale e confessionale degli operatori pastorali.

Mentre in Belgio si discute sul segreto professionale, soprattutto nei casi che riguardano abusi sui minori e suicidio, la Conferenza episcopale locale diffonde una nota che pone alcune regole-base in questo ambito. In sintesi, i vescovi belgi fanno una distinzione-chiave: da una parte, c’è il segreto professionale; dall’altra c’è il segreto confessionale. Nel primo caso, i presuli ribadiscono che “ciò che l’operatore pastorale – laico o ordinato – apprende nell’ambito dell’esercizio delle sue funzioni, non va divulgato. Colui che viola il segreto professionale, infatti, commette un’infrazione”, danneggiando “la credibilità della funzione pastorale” stessa e andando incontro a “sanzioni civili e canoniche”.

Link articolo completo:

https://www.vaticannews.va/it/chiesa/news/2018-12/belgio-vescovi-segreto-confessione-inviolabile.html

Isabella Piro – Città del Vaticano

 

Continua a leggere

«E tu, Betlemme, terra di Giuda, non sei davvero il più piccolo capoluogo di Giuda: da te uscirà infatti un capo che pascerà il mio popolo, Israele». (Mt 2,6)

 

Il rosario salverà delle vite

Dai tempi di Erode fino ad oggi, Betlemme ha una storia turbolenta e sanguinosa. La presenza e la sopravvivenza dei cristiani in questa regione è un rischio continuo che non sarà possibile scongiurare senza la preghiera.

Matteo continua a raccontare come i Magi seguirono la stella fino “al luogo in cui si trovava il bambino. […] Quando entrarono in casa, videro il bambino con Maria sua madre, si prostrarono a terra e lo adorarono” (Mt 2,9s). Adorazione con gli occhi di Maria, questo è il rosario.

L’adorazione e la sopravvivenza a Betlemme rappresentano un unico progetto che allo stesso tempo invita i giovani di tutto il mondo a pregare per la pace. Concretamente: i cristiani di Betlemme producono rosari di ulivo che saranno distribuiti ai giovani nella Giornata mondiale della gioventù a Panama, il prossimo gennaio. Continua a leggere

Quando il paradiso è destino

Nella festa di Cristo Re (25/11), Wilson Tadeu Jonck, l’Arcivescovo di Florianopolis, ha dichiarato l’apertura del processo di beatificazione del giovane procuratore di giustizia Marcelo Henrique Câmara, noto come Marcelinho.

Continua a leggere

Non lasciamoci rubare l’entusiasmo missionario e preghiamo perché i consacrati e le consacrate ravvivino il loro fervore missionario e siano presenti tra i poveri, gli emarginati e coloro che non hanno voce.

Papa Francesco – Ottobre 2018

Le persone consacrate, con la loro preghiera, povertà e pazienza, sono essenziali per la missione della Chiesa.
Più che mai, con le sfide del mondo di oggi, abbiamo bisogno del vostro totale impegno per la proclamazione del Vangelo.
Non lasciamoci rubare l’entusiasmo missionario e preghiamo perché consacrati e consacrate ravvivino il loro fervore missionario e siano presenti tra i poveri, gli emarginati e coloro che non hanno voce.

Secondo la fonte video del Papa